Funzioni poco conosciute di Wikipedia

Esportare una pagina di Wikipedia dalla rete al nostro pc può essere molto comodo, soprattutto se abbiamo una rete wi-fi (che non è sempre accessibile), se abbiamo una connessione internet a tempo, per cui stare mezz’ora a leggere un articolo sarebbe uno spreco delle limitate ore di navigazione, oppure se Internet non c’è e si va in biblioteca a salvare le informazioni su chiavetta USB.

Il metodo più rudimentale è quello di salvare la pagina (in Google Chrome questa magica funzione si attiva premendo Ctrl+S, poi le metodologie variano da browser a browser). Alcuni problemi:

  • vi ritroverete un sacco di coppie formate da pagina web-cartella (nella cartella sono contenute le varie foto, i cursori, banner, e il testo), che causano pochi problemi se si tratta di un solo salvataggio ma diventano obsoleti e ingombranti se invece ne vogliamo fare un numero superiore a 45, in quanto avremo tanti piccoli file, in tante piccole cartelle che renderanno il vostro amico computer (se non è più di quelli arzilli e giovinotti) lento come la fame; questo si spiega perché il pc sarà troppo impegnato a cercare i dati che vuole tra le vostre migliaia di cartelle con cui l’avete intasato
  • il desktop o la cartella dove avrete messo le vostre paginette diventeranno assai calvarici, e se non ordinate i file con un criterio minimamente logico finirete col bestemmiare San Sebastiano perchè non troverete la pagina sulle marmotte;
  • la piccola cartella si rivelerà non così piccola; ad esempio salvare la versione wikipediana dell’ursus arctos vi costerà ben 597 kb di cartellla + 142 kb di pagina web, per un totale di 739 kb di importante spazio sottratto a Pinball e Super Mario, nonché ai video contenti importanti documentari sulle relazioni interpersonali, importanti documenti di antropologia.

Ed è qui che ci aiuta la vecchia buona cara Wikipedia. Sulla sinistra, dove si trovano anche le voci “Pagina principale”, “Una voce a caso”, ecc, troverete anche una categoria che si chiama “Stampa/Esporta”. Qui potrete vedere delle voci interessanti, ma noi ci occuperemo soltanto di due di queste: “Crea un libro” e “Scarica come PDF”. Le due funzioni sono molto simili; la prima ci consente di creare un documento in formato PDF che contenga soltanto una voce dell’enciclopedia, mentre con la seconda potremo creare un vero e proprio libro, con foto, impaginazione e, all’inizio, un elenco, che conterrà le pagine dove potrete trovare gli argomenti che vi interessano. Tutto quello che dovete fare è premere “Crea un libro” seguendo il percorso di cui abbiamo detto sopra; a questo punto vi comparirà una pagina con due pulsanti, uno rosso e uno verde; premete quello su cui c’è scritto “Avvia il creatore di libri”. A questo punto in cima alla pagina, dove prima c’era scritto Marmotta e Orso bruno, ci sarà scritto “Aggiungi questa pagina al tuo libro”. Nel frattempo, mentre state provvedendo alla vostra opera, potrete sempre controllare che pagine ci sono, toglierle o modificarne l’ordine tramite il comando “Mostra libro”, seguito da una scritta assai invitante che dice, ad esempio, 38 pagine; questo non rappresenta il numero effettivo di pagine che avrà il documento finito in PDF, ma il numero di voci che sono state inserite nel libro stesso. Quando vi sarete stufati di pigiare aggiungi questa pagina al libro, oppure avrete semplicemente finito di raccogliere le informazioni che cercavate, premete pure “Mostra libro”; scrivete un titolo e un sottotitolo, dopodiché vi ritroverete davanti un bivio; se stampare o scaricare. Scegliendo la stampa sarete rimandati a “PediaPress”, che con una trentina di euro (ma anche meno, a seconda delle pagine e degli optional che scegliete, tra cui stampa a colori e copertina rigida) vi invierà a casa il frutto del vostro lavoro di… 30 minuti? La spedizione costa circa 3 euro se scegliete la spedizione standard, che dura fino a 20 giorni; con 18 euro invece durerà al massimo 3 giorni lavorativi (stando a ciò che dice il sito). Se invece volete soltanto il formato informatico, che vi consentirà quindi di avere il libro su pc, telefono, lettore MP3 e forno a microonde, premete scarica; il documento verrà elaborato, e dopo un po’ di tempo (che può andare dal minuto alle 3 giornate, a seconda del numero di voci con cui rimpinzerete il povero libro) vi comparirà l’opzione “Scarica il file”, con accanto una freccia blu, un quadrato blu e una zebra (blu). Arrivati qui Chrome (se è lui che state usando) vi avvierà una bella paginetta grigia (se non avete ancora aggiornato Adobe Reader, fatelo, zozzoni!), dove vi apparirà il documento in PDF; da qui salvatelo sul desktop o nella cartella che desiderate, e quando il download sarà completato avrete (finalmente) finito.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Funzioni poco conosciute di Wikipedia

  1. Johna335 in ha detto:

    hi and thanks for the actual blog post ive recently been searching regarding this specific advice online for sum hours these days as a result thanks efdkfdkafkbf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: